Facebook: la mamma si lamenta delle pubblicità dopo la morte in utero

protection click fraud.

Una giornalista americana ha perso il suo bambino prima che nascesse. Dopo il parto, ha continuato a vedere annunci per bambini. La madre sta ora affrontando la sua rabbia per questo in una lettera aperta.

Perdere un bambino è una delle cose peggiori che possono capitare a una donna. Il dolore dopo una tale perdita è già infinito. Ma i tormenti dei genitori orfani sicuramente peggioreranno quando ne cercheranno uno nato morto gli annunci pubblicitari per gli articoli per bambini continuano a essere visualizzati.

Questo è esattamente ciò che è il giornalista Gillian Brockell accaduto. Il suo bambino è morto prima che nascesse, ha dovuto partorire in silenzio il bambino. Il giornalista che lavora per il Washington Post ha condiviso la triste notizia Twitter. Lei scrisse:

Abbiamo il cuore spezzato nell'annunciare a tutti voi che il nostro bambino, Sohan Singh Gulshan, è nato morto.

Alcune tristi notizie personali pic.twitter.com/ZkBOB7oqUq

- Gillian Brockell (@gbrockell) 30. Novembre 2018

Pochi giorni dopo, la madre in lutto ha parlato di nuovo - con una lettera aperta alle aziende tecnologiche Facebook, Twitter, Instagram ed Experian. In esso, chiarisce quanto soffra per il fatto che, nonostante il parto morto, su Internet vengono ancora visualizzate pubblicità di articoli per bambini.

La tua grande richiesta: Le aziende tecnologiche dovrebbero cambiare gli algoritmi in base ai quali le persone vengono classificate e pubblicizzate in modo tale da riconoscere anche quando una madre ha perso il figlio.

Gillian Brockell scrive: "So che sapevi che ero incinta. È colpa mia, non ho resistito a quegli hashtag di Instagram: #30weekspregnant, #babybump”. Ha anche cercato su Google "moda da allattamento" e "colore adatto per il lettino" e ha ripetutamente fatto clic su annunci di abbigliamento premaman.

Ma le loro query di ricerca sarebbero cambiate intorno alla natimortalità. "Ma non mi hai visto anche dire 'Sono quelle fitte?' e hai cercato su Google "il bambino non si muove"?

Una lettera aperta a @Facebook, @Twitter, @Instagram Altro @Experian per quanto riguarda gli algoritmi e la nascita di mio figlio: pic.twitter.com/o8SuLMuLNv

- Gillian Brockell (@gbrockell) 11. Dicembre 2018

Anche le tante espressioni di pietà dei suoi follower con parole come 'cuore spezzato', 'problema' e 'morto' Secondo il giornalista, hanno effettivamente portato alla scomparsa della pubblicità di articoli per bambini dovere. Conclude la sua lettera con le parole:

Se sei abbastanza intelligente da sapere che sono incinta, che c'è stato un parto, allora sono sicuro che sei abbastanza intelligente da sapere che il mio bambino è morto e poi puoi personalizzare i tuoi annunci, o forse, solo forse, nessuno per me mostra di più.

Facebook ha già risposto alla lettera della madre in lutto

Gillian Brockell ha ricevuto molto incoraggiamento dagli utenti di Twitter per la sua lettera aperta. Si è espresso anche un manager di Facebook.

Rob Goldman rispose la madre addolorata: "Mi dispiace molto che tu abbia perso il tuo bambino e che tu abbia avuto esperienze così dolorose con i nostri prodotti. Esistono modi per disattivare gli annunci su argomenti specifici che qualcuno trova dolorosi, come l'essere genitori. Ha ancora bisogno di miglioramenti, ma vogliamo che tu sappia che ci stiamo lavorando e che apprezzi il tuo feedback." 

Mi dispiace molto per la tua perdita e per la tua dolorosa esperienza con i nostri prodotti. Abbiamo un'impostazione disponibile che può bloccare gli annunci su alcuni argomenti che le persone potrebbero trovare dolorosi, inclusi i genitori. Ha ancora bisogno di miglioramenti, ma sappi che ci stiamo lavorando e accogliamo con favore il tuo feedback.

- Rob Goldman (@robjective) 12. Dicembre 2018

Gillian Brockell la ringraziò per la risposta e disse che qualcuno le aveva mostrato come disattivare gli annunci. Immediatamente dopo il parto morto, tuttavia, non è stata in grado di cercare informazioni rilevanti.

Ecco perché ha chiesto che gli algoritmi reagiscano a parole chiave come "nascita morta" e quindi, ad esempio, mettano in pausa gli annunci pubblicitari.

Video: come imparare ad affrontare il peggio del dolore

La madre in lutto si lamenta delle pubblicità strazianti dopo la morte in utero

mh

Questi rituali mattutini rendono la giornata più rilassanteAbitudineInstagramRituale MattutinoAbitudine

19 maggio 2020, 16:06 Stanco di essere sempre frettoloso e di avere sempre la sensazione di essere guidato? Assolutamente comprensibile! Abbiamo cinque consigli per i rituali mattutini che possono ...

Leggi di più

Sylvie Meis: Dichiarazione d'amore per il primo anniversario di matrimonio con Niclas CastelloFirenzeInstagramSylvie MeisDichiarazione D'amoreGiorno Del Matrimonio

19.09.2021, 12:40 Nel 2020 Sylvie Meis ha dato il sì a Niclas Castello a Firenze. Nel primo anniversario del suo matrimonio, fa una dichiarazione d'amore per suo marito. Esattamente un anno fa, Sy...

Leggi di più
Instagram: conosci già questi esercizi per la pancia?

Instagram: conosci già questi esercizi per la pancia?SportivitàInstagram

Stanco dei sit-up? Non importa: il nostro stomaco può essere allenato con decine di esercizi. Lasciati ispirare da questi utenti di Instagram. Blogilates giura per questo"Pancia gambe glutei"Eser...

Leggi di più